– 46

– 45
Dic 7, 2018
– 47
Dic 5, 2018
In un contesto di una famiglia separata e in cui il mondo ti dice che se sei un professionista avrai tutto, autosufficienza, potere, successo, in poche parole ciò che ti rende "felice", la solitudine è conquistata. Conoscendo la mia fede, ho scoperto che "non è bello essere soli" Ero confusa… Avevo paura e ho deciso che la vita consacrata era la strada migliore… Dio non era d'accordo e ho incontrato Ivan, mio ​​marito, ero innamorata ma non volevo formare una famiglia. Quando ho saputo che stava per chiedermi di fidanzarci era molto felice ma terrorizzata. Siamo andati con il Gruppo dei Pellegrini del Guatemala alla GMG di Cracovia. Una famiglia faceva parte del gruppo e anche se in quel momento non me ne ero resa conto, Dio stava operando nella mia mente e nel mio cuore. Nel museo di San Giovanni Paolo II il tema era la famiglia, i bambini. Durante la settimana nelle diocesi ci hanno mostrato il nostro rapporto con Dio come un matrimonio e hanno parlato delle Nozze di Cana: sono rimasta sorpresa osservando come i membri della famiglia che era nel nostro gruppo interagivano tra loro e ho scoperto che ciò che Dio dice è possibile. Alla fine della GMG, Ivan mi ha chiesto di sposarmi e ho detto sì! Ogni volta che ci arrabbiamo, ricordo che Dio ha cambiato il mio modo di pensare in modo da poter essere una famiglia, quindi non mi arrenderò più facilmente.
Ivonne Rodríguez, Guatemala