– 93

– 92
Ottobre 21, 2018
– 94
Ottobre 19, 2018
Ho avuto l'opportunità di partecipare a due Giornate Mondiali della Gioventù; la prima è stata a Toronto, Canada (2002) ed è stata un'esperienza che ha segnato la mia vita, fu la prima volta che viaggiai da sola, senza la mia famiglia, in un posto dove parlavano una lingua diversa dalla mia e senza sapere cosa mi aspettava, Dio mi ha dato l'opportunità di scoprire una gioventù cattolica, allegra, unità da un solo sentimento: essere testimone al mondo che i giovani possono vivere felici, avendo come modello Gesù e Sua Madre, la Santa Vergine Maria. Ricordo con affetto speciale, il Via Crucis nelle strade di Toronto e gli incontri con il Papa di allora, ora San Giovanni Paolo II.
Dopodiché, nel 2011, sono stata alla GMG di Madrid, Spagna, e l'ho vissuta in maniera diversa, appena sposata e senza figli, è stato impressionante come, con più di 2 milioni di giovani, abbiamo dato testimonianza di allegria e di voler vivere radicati in Cristo e saldo nella fede. Ricordo Papa Benedetto XVI, fermo di fronte a un diluvio nella notte in cui facemmo la veglia, a dimostrarci quanto amasse la gioventù e la Chiesa.
Attendo con ansia la GMG di Panama, perché sarà vicino al mio Paese, Honduras, e sono desiderosa di vivere un'autentica festa latina, che illumina il mondo con gioia, musica, danza e soprattutto con molta preghiera e amore tra fratelli. In questa occasione, parteciperò da giovane donna sposata con due bambini piccoli, che non smette mai di essere sorpresa dalla fedeltà e dall'amore che Dio ha per le nostre vite.
Invito tutti i giovani ad essere coraggiosi e dire ‘’SI’’ al Signore, ‘’SI’’ voglio avere un incontro con te e ‘’SI’’ voglio essere un testimone per il mondo intero. La pace di Cristo.
Bonnie Rogriguez, Honduras